FANDOM


Lost in Google è una webserie italiana fantascientifica realizzata da The Jackal tra il 2011 ed il 2012. Caratteristica della serie è l'utilizzo di alcuni commenti apparsi sotto i video di una puntata per sceneggiare quella successiva.

TramaModifica

Durante una normale giornata di lavoro agli studi della The Jackal, Simone sotto consiglio di Roberta, cerca scherzosamente Google sul motore di ricerca Google, aprendo un varco spaziotemporale che risucchia Simone all'interno dell'internet. Simone dovrà viaggiare all'interno dei siti internet più famosi in cerca di una via di fuga mentre Roberta e Ciro decideranno di cercare un modo per riavere il loro amico.

Interpreti principali Modifica

Guest star Modifica

EpisodiModifica

Titolo Pubblicazione Durata Link
0 Lost in Google 28 giugno 2011 2' 46" Link
1 Forever Alone 16 novembre 2011 6' 53" Link
2 I'm feeling Lucky 16 gennaio 2012 10' 24" Link
ep. pesce d'aprile The Lord of Bananas 1º aprile 2012 6' 13" Link
3 404 page not found 2 aprile 2012 17' 54" Link
4 Timeline 31 maggio 2012 21' 37" Link
5 Lost in Lost in Google 14 luglio 2012 22' 56" Link

Backstages Modifica

Titolo Pubblicazione Durata Link
1 Forever Alone - Backstage ep. 1 16 novembre 2011 3' 08" Link
2 I'm feeling Lucky - Backstage ep. 2 16 gennaio 2012 4' 39" Link
3 404 page not found - Teaser ep. 3 2 aprile 2012 1' 08" Link
4 Timeline - Backstage ep. 4 31 maggio 2012 2' 56" Link
5 Lost in Lost in Google - Teaser ep. 5 14 luglio 2012 0' 51" Link
5 Lost in Lost in Google - Backstage ep. 5 14 luglio 2012 4' 43" Link

Lost in GoogleModifica

Cercando "google" su Google, il protagonista, Ruzzo Simone (nella serie verrà indicato sempre col cognome prima del nome), viene risucchiato dal computer, sotto gli occhi inorriditi della sua amica Proxy.

Forever AloneModifica

Simone si trova in una grande (apparentemente infinita) sala bianca con una fila di sedie. Viene apostrofato da Claudio Di Biagio il quale lo informa che si trovano nella sala d'attesa di Google. Qui sono presenti tutti i personaggi e i meme più cercati del web e una voce annuncia di volta in volta chi viene cercato. Claudio gli spiega che per uscire è necessario essere cercati, sicuro di sé Claudio attende la sua chiamata e rimane molto deluso quando invece del suo nome viene cercato Willwoosh. Nel frattempo Proxy contatta Ciro per farsi aiutare nella ricerca di Simone.

Guest star: Claudio Di Biagio.

I'm feeling LuckyModifica

Simone entra in un pop-up con la scritta "ti senti fortunato?" e viene trasportato via. Crede di essere tornato a casa ma in realtà si trova in Google Street View di Google Maps. Chiedendosi ad alta voce come andarsene sente qualcuno rispondergli (Caparezza) e vede che si tratta di una persona ritratta nella foto di Street View e quindi bloccata lì. Questi gli dice che andarsene è facile, trovandosi lui in un programma di mappe. Simone chiede quindi al programma di calcolare il percorso fino a Wikipedia, e vi viene trasportato. Proxy intanto ha ricevuto un messaggio (apparentemente inviatole da Simone) con la foto di un panorama di una montagna (riferimento a Mountain View, sede di Google) ed è convinta che Simone si trovi lì. Si mette quindi in viaggio con Ciro per cercarlo.

The Lord of Bananas (episodio pesce d'aprile)Modifica

Questo episodio è uscito il primo aprile 2012, annunciato ufficialmente come episodio 3. Il video presenta soltanto una schermata nera, sulla quale ogni tanto appare un commento a uno dei precedenti video. Fra questi commenti ce n'è anche uno che annuncia il vero episodio 3 per il giorno successivo.

404 page not foundModifica

L'episodio si apre con un programma chiamato "Le Grandi Scoperture" (parodia di Voyager), condotto da Roberto Giacobbo il quale ipotizza che internet non sia un'invenzione dell'uomo, ma un'entità autonoma, sulla quale erano stati fatti esperimenti segreti in una baita isolata in montagna. Internet è abitato da pericolose creature, dette internet meme, a capo delle quali si trova una misteriose entità chiamata Elgoog (o 319009). Simone si trova dentro Wikipedia, che è rappresentata come una biblioteca. Un Patrizio Rispo gli spiega come consultare l'enciclopedia e gli chiede di "leggere un suo appello personale" (riferimento alla raccolta fondi annuale di Wikipedia). Simone cerca se stesso su Wikipedia e scopre che quel giorno è indicato come data della sua morte. Cerca poi "Lost in Google" ma la pagina non viene trovata. Nel frattempo Proxy e Ciro si recano nel luogo dove credono si trovi Simone, ma vengono attaccati da un misterioso nemico che conosce le loro intenzioni perché segue Ciro su Twitter. Ciro e l'uomo combattono, mentre Proxy si reca nella baita, dove trova un computer, con il quale dovrà aprire un portale. Il personaggio misterioso sostiene che non potrà usarlo perché solo una persona può, ma lei scopre la password e la inserisce, aprendo così un portale tra il mondo reale e quello virtuale. L'apertura del portale ha effetti catastrofici su entrambi i mondi. In Wikipedia, Simone strappa la pagina da un libro che consente di consultarla e scappa. Nel Web cominciano a piovere dal cielo i commenti degli utenti e uno di questi ("Simone deve morire!") travolge Simone. Nel mondo reale il personaggio misterioso, che si rivela essere il meme noto come "Forever Alone", si sacrifica per chiudere il portale. Si scoprirà infine che conosceva Proxy da bambina e che forse potrebbe anche essere suo padre.

Link esterni Modifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale